CAIROLI TORNA A CASA

Una foto emblematica. Jill sui social,in un post di dedica al marito per la festa del papà in Usa, ha immortalato il rientro in Italia. Finisce al momento l’avventura americana di Cairoli in Usa. KTM non ha quindi rivisto i suoi piani alla luce delle belle prestazioni del 9 volte campione del mondo. Dovevano essere due prove, poi sono diventate quattro, ma non vi sarà il prosieguo.

Tra l’altro nella gara di ieri Tony ha riportato una brutta botta al ginocchio .

Le sue parole: “Non vedevo l’ora di fare questa gara perché la pista mi piaceva molto. Nelle prove libere di questa mattina mi sentivo molto meglio rispetto alla gara precedente, il mio ritmo era migliore anche perché questa settimana abbiamo lavorato un po’ sulla velocità, quindi il feeling era buono. Prima manche, la partenza è andata bene con il sesto posto al primo giro e sapevo che dovevo attaccare per conquistare alcune posizioni, ma ho commesso un errore e mi sono toccato con un altro pilota e ho preso una botta al ginocchio molto forte. L’ho avvertita subito perché questo ginocchio mi sta già dando qualche problema ed è stato un gran colpo. Ha iniziato a gonfiarsi e formarsi liquido, quindi mi sono fermato. Seconda manche, sono stato l’ultimo a partire perché c’è un format diverso rispetto ai GP e ho dovuto schierarmi all’esterno, che non è il punto ideale per iniziare. Con il ginocchio in queste condizioni, non sono riuscito a fare una buona partenza e sono partito oltre  la top-20. Sono risalito fino al 13° posto ma stavo faticando molto con il ginocchio, quindi ho deciso di fermarmi. Non è stata proprio una buona giornata,ma andiamo avanti. Ci siamo divertiti. Di sicuro mi sarebbe piaciuto finire in modo diverso, ma va bene così. Non mi sono fatto male, solo una brutta giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.