DUE CHIACCHERE CON ALEX PUZAR

Durante il Gran Premio del Trentino abbiamo incrociato Alex Puzar e gli abbiamo fatto 2 domande al volo. Certamente Alex non ha bisogno di presentazioni. Unico italiano a vincere il campionato del mondo nella 250 con la Suzuki del team di Michele Rinaldi, ha bissato nel 1995 in sella alla Honda del team Maddii, chiudendo la carriera nel 2002 con la vittoria del nazioni. Campione amatissimo dai tifosi, da qualche hanno lavora per la Pro Grip, in veste di consulente e tester.

MXT: Alex ti vediamo sempre in sella alla moto in giro per le piste. Lo scorso anno la rottura del polso ti ha costretto a rinunciare al mondiale Veteran e al Nazioni Veteran a Farleigh Castle; quest’anno hai in serbo ancora qualche sorpresa?? Ti stai preparando nuovamente per questi appuntamenti?

PUZAR: No, quest’anno no. Aspetto di fare la maturità quindi non ho tempo, il prossimo anno invece potrò dedicarmi totalmente alle gare, ma ormai per quest’anno non ce la faccio (ride)!! A parte gli scherzi, vado sempre in moto due/tre volte alla settimana per fare le prove dei nostri prodotti, però non farò più gare; ci ho provato tre volte a fare il Veteran e mi sono sempre distrutto, per cui meglio che non lo faccia più!!!

MXT: Dai Alex non è vero, nel 2009 a Faenza c’ero, ho la tua maglia, e hai fatto una grande gara con la piccola 250 in mezzo alle 450!

P: Si vero, però mi sono fatto male preparandomi per il Veteran di Mantova l’anno successivo, rischiando anche la vita, e poi anche quest’anno. Quindi adesso basta; anche mia moglie mi ha detto di chiudere con le gare.

MXT:  Sandro mi hai detto la stessa cosa, basta moto e gare, quando ci siamo incontrati a Loket nel 2010 dopo il grave incidente eppure hai ripreso e anzi vai tantissimo in moto!!!

P: Beh un conto è andare in moto per allenarsi, ma fare le gare è un’altra storia. Poi la moto è una droga, impossibile smettere, impossibile rinunciare!!!!!

MXT: Grazie mille Alex.

P: Grazie a voi.

Testo e foto Daniele Sinatra

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *